Cosa sono gli Switch per tastiere

Sono il cuore pulsante, in tutti i sensi, di ogni tastiera meccanica. Come funzionano e quale può essere il più adatto alle tue necessità?

Quando si parla di tastiere meccaniche, la prima cosa che viene in mente sono gli switch, il cuore che rende questo device diverso dalle tastiere tradizionali.

Tecnicamente, lo switch è il componente che, alla pressione del tasto, crea il contatto e invia l’input al computer.

Se ci soffermassimo sull’aspetto apparente, tutte le tastiere sarebbero uguali e probabilmente non staresti leggendo questo articolo. Se sei qui, probabilmente rientri in una di queste categorie:

  • Vuoi migliorare le tue prestazioni nei videogame
  • Vuoi usare una tastiera che ti faccia scrivere meglio e stancare meno
  • Sei incuriosito dalle tastiere meccaniche e vuoi sapere se possono aiutarti in uno dei due punti precedenti

Appurato il perché della tua lettura, ciò che rende le tastiere meccaniche strutturalmente diverse, è nella varietà di switch esistenti, con numerose tipologie costruttive a seconda della propria finalità d’uso.

Gli switch Cherry MX

Se hai già fatto un giro su Amazon o qualche altro sito ecommerce, la parola che avrai letto più volte è Cherry. Cosa sarebbe questa ciliegia? Sì, cherry è ciliegia in inglese ed è anche il marchio di switch più conosciuto e usato al mondo.

L’azienda tedesca è stata tra le prime a rilanciare questa tipologia di tasti con la sua linea Cherry MX. Gli esperti riconoscono i loro tasti come punto di riferimento nel settore e le proposte degli altri marchi non fanno che ricreare, in forma leggermente diversa, quanto da loro proposto.

A questo punto è arrivato il momento di vedere quali sono gli switch Cherry MX più conosciuti e quali caratteristiche li differenziano.

Switch lineari

Questa tipologia di switch si riconosce per la fluidità nel movimento del tasto. La pressione non cambia dall’inizio sino alla fine del suo percorso, rendendoli consigliabili soprattutto per giocare.

La loro rumorosità è nella media e il suono si avverte solo al completamento della loro corsa.

I due modelli sono il Cherry MX Black e il Cherry MX Red. Il loro funzionamento è identico, l'unica differenza è nella forza necessaria per dare l'input, più leggera nella versione Red e più pesante in quella Black.

Cherry MX Red
SEMPLICE E VELOCE

  • Lineare
  • Forza: 45 cN
  • Nessun feedback sonoro

Cherry MX Black
SENSIBILE E PRECISO

  • Lineare
  • Forza: 60 cN
  • Nessun feedback sonoro


Switch tattili

La differenza rispetto agli switch lineari è nel feedback che forniscono a metà pressione, che conferma l'attivazione del tasto. Questa conferma tattile permette agli utenti più esperti di non arrivare a fondo corsa ed essere in questo modo ancora più rapidi e stancarsi meno. Il colpo che le dita ricevono a fondo corsa è infatti una delle prime cause di affaticamento.

La velocità nell’invio del comando, rende questa tipologia di switch ideali per lunghe sessioni di scrittura, con il vantaggio, per chi non vuol fare troppo rumore, di un suono abbastanza silenzioso.

Gli switch sono tre: Cherry MX Brown, Cherry MX Clear e Cherry MX Grey. Come per quelli lineari, anche i tattili sono diversi tra loro per la diversa pressione necessaria per funzionare. Il più leggero è la versione MX Brown e la più pesante MX Grey.

Cherry MX Brown
Semplice e silenzioso

  • Tattile
  • Forza: 55 cN
  • Nessun feedback sonoro

Cherry MX Clear

  • Tattile
  • Forza: 65 cN
  • Nessun feedback sonoro

Cherry MX Grey

  • Tattile
  • Forza: 80 cN
  • Nessun feedback sonoro

Switch tattili e rumorosi

Se ami il ticchettio dei tasti, questi sono gli switch perfetti per te. Sono indicati, come gli altri tattili, per chi scrive, ma risultano apprezzati anche da tanti gamer, proprio per il chiaro suono che emettono ad ogni pressione.

Ad ogni attivazione, oltre al feedback tattile è presente anche un suono distintivo. Questo "rumore" ricorda moltissimo alcune tastiere storiche, come la IBM model M, e sarà apprezzatissimo anche dai più nostalgici.

Va ricordato che questa tipologia di switch, sebbene abbia parecchi estimatori, è di sicuro la meno raccomandata in ambienti condivisi come open space, coworking e uffici condivisi in genere. Il suono che per noi risulta piacevolissimo potrebbe facilmente risultare un elemento di disturbo per i nostri colleghi.

Gli switch di questo tipo da poter scegliere sono Cherry MX Blue e Cherry MX Green. In questo caso, la versione Blue è più leggera di quella Green.

Cherry MX Blue
PRECISO E UDIBILE

  • Tattile e rumoroso
  • Forza: 60 cN
  • Feedback sonoro


Cherry MX Green

  • Tattile e rumoroso
  • Forza: 80 cN
  • Feedback sonoro

Quale tipo di switch scegliere?

La decisione non è affatto semplice, perché bisognerebbe provare con mano le sensazioni che ogni switch può restituirci. Questo, data anche la difficoltà nel reperirli e provarli, ci costringe spesso a fidarci delle nostre sensazioni e delle opinioni di chi li ha provati.

Esiste però anche la possibilità di ordinare un kit di test a un costo contenuto (solitamente attorno a 15/20 Euro), che ci permetterà di provare con mano le peculiarità di ogni diverso switch

Cherry MX Switch Tester

Kit con 9 differenti switch Cherry MX, tasti trasparenti e strumento di rimozione dei tasti

Acquista

Per semplificare la scelta, torniamo a quanto scritto all’inizio dell’articolo e pensiamo all’uso principale che faremo della nostra prossima tastiera: scrivere e/o giocare.

Se sappiamo a cosa ci servirà, siamo già a metà strada. Basta non farsi distrarre dalla più pericolosa delle tentazioni: basarsi sull’aspetto estetico. Esatto, perché è facile farsi attrarre da un modello dal layout accattivante, ma dotato di switch non adatti all’uso principale che si vorrebbe fare.

Se devi scrivere, degli switch Cherry MX Black potrebbero essere la scelta meno adatta da fare. Perciò, pensa prima al tipo di switch da usare e solo dopo seleziona qualche tastiera tra le quali scegliere.

Ma la retroilluminazione è davvero utile?

Gli switch Cherry sono disponibili anche in versione MX RGB, cioè dotati di sistema di illuminazione.

Una funzionalità del genere ha certamente un’importante valenza estetica in grado di rendere una tastiera meccanica unica, ma non va sottovalutata anche l’aspetto visivo, dai più ignorato, perché abituati da sempre a tastiere nere o più raramente bianche e plasticose.

L’illuminazione comporta importanti vantaggi visivi, perché al buio i tasti diventano facilmente riconoscibili. Aspetto trascurabile per chi è abituato a scrivere senza guardare la tastiera… e invece no, perché l’occhio umano è in grado di osservare e percepire l’illuminazione, con importanti vantaggi nel ritmo di scrittura e stanchezza nel tempo.

Con le tastiere dotate di software di gestione dell’illuminazione, questo concetto viene portato all’estremo. Creazione e gestione profili per gioco, illuminazione a pressione, per tipologia di tasto. Le possibilità sono tante e chiunque ne abbia fatto uso, difficilmente tornerebbe indietro.

Conclusione

L’universo degli switch è in continuo mutamento, ma alcuni tra loro sono più utilizzati dalle aziende produttrici di tastiere.

Troverai più facilmente modelli con gli Switch Blue, Red e Brown. Sono i più usati e apprezzati e, inevitabilmente, le aziende preferiscono fare scelte conservative per riuscire a piazzare meglio i loro prodotti.

Questo non toglie che ci siano tanti prodotti con switch meno diffusi, ma ricorda sempre di avere chiara in testa la finalità della tua scelta: prima lo switch, poi tutto il resto.

In qualità di Affiliato Amazon, tastierameccanica.it riveve una commissione dagli acquisti idonei